LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

Con la presente si forniscono le prime indicazioni relative all’organizzazione dello Studio Calabrese in vista dell’ormai prossimo appuntamento con la “fatturazione elettronica”.

Premesso che ciascun Cliente è assolutamente libero di organizzarsi in piena autonomia, si prospettano qui di seguito le diverse ipotesi possibili.

  1. Il Cliente provvede in totale autonomia a gestire la fatturazione elettronica.

E’ il caso che riguarda prevedibilmente i Clienti di maggiori dimensioni, con esigenze particolari (ad esempio la gestione del magazzino), dotati di un proprio software per la gestione della fatturazione attiva.

I Clienti con queste caratteristiche sono liberi di prendere accordi in totale autonomia con la propria software house, anche per il servizio di fatturazione elettronica. E’ però importante che il Cliente si accerti che il proprio fornitore gli offra anche il servizio di trasmissione e di conservazione delle fatture elettroniche.

Poiché il Cliente si avvarrà di un proprio software per la creazione e la trasmissione delle fatture elettroniche, per quanto concerne le fatture di acquisto si presentano due alternative: la prima riguarda i Clienti che acquisiscono dalla propria software house anche il codice univoco da comunicare ai propri fornitori per la ricezione delle fatture d’acquisto elettroniche. In questo caso, con cadenza mensile (o con maggiore frequenza), il Cliente stesso avrà cura di trasmettere via e-mail allo Studio i file in formato “xml” relativi alle proprie fatture, sia emesse che ricevute. Allo scopo di evitare ritardi (e malintesi), è opportuno prevedere un meccanismo di verifica della corretta ricezione di tali file da parte dello Studio.

Il secondo caso riguarda i Clienti che, nonostante l’autonomo acquisto del software per l’emissione delle fatture elettroniche, comunicano ai propri fornitori il codice fornito dallo Studio. In questo caso, lo Studio sarà in grado di accedere al sistema di interscambio, di verificare e di scaricare direttamente le fatture ricevute dal Cliente (non anche quelle emesse). Il Cliente dovrà solo preoccuparsi di inviare allo Studio i file xml delle proprie fatture emesse perché, per quanto concerne le fatture di acquisto, lo Studio sarà in grado di acquisirle direttamente dal sistema.

  1. Il Cliente affida allo studio l’assistenza per la fatturazione elettronica.

La seconda tipologia di Clientela è quella che decide di affidarsi allo Studio per la gestione dell’intero ciclo della fatturazione elettronica.

A tale riguardo è opportuno premettere che, almeno di regola, lo Studio non si occuperà mai della redazione e dell’invio delle fatture elettroniche, che resteranno adempimenti propri del Cliente, ma curerà l’assistenza e fornirà tutti gli strumenti necessari per essere in regola con gli adempimenti.

Il Cliente che sceglierà questo tipo di assistenza, quindi, acquisterà dalla “Datev Koinos S.r.l.”, società fornitrice dei sistemi gestionali dello Studio, il software dedicato denominato “FattureGo”, al costo di Euro 120,00= + IVA annui (12 mesi dalla data di attivazione), che verranno fatturati direttamente dalla società fornitrice. L’acquisto, per quanto effettuato in totale autonomia, resterà in ogni caso collegato all’utenza dello Studio presso la stessa Datev Koinos.

Per quanto concerne le fatture d’acquisto, il Cliente comunicherà ai propri fornitori il codice univoco fornito dallo Studio e questi, attraverso il codice stesso, invieranno le fatture sulla piattaforma FattureGo di ciascun Cliente. Comunicato il codice, sia il Cliente che lo Studio avranno la possibilità di monitorare e scaricare le fatture inviate, per cui il Cliente non dovrà occuparsi di altro, dal momento che lo Studio sarà in grado di contabilizzare direttamente le fatture ricevute accedendo alla posizione del Cliente presso il sistema di interscambio.

Quanto alle fatture da emettere, il Cliente avrà la possibilità di emettere le proprie fatture tramite lo stesso software FattureGo, attingendo dal “plafond” di fatture editabili a disposizione dello Studio. In questo caso, lo Studio chiederà al Cliente solo il rimborso di quota parte della spesa sostenuta per l’acquisto del plafond, in base alla numerosità delle fatture da questi emesse (si prevedono importi di poche decine di euro all’anno). Anche in questo caso, emessa e trasmessa la fattura elettronica attraverso l’applicativo FattureGo, il Cliente non dovrà fare altro perché, come per le fatture di acquisto, lo Studio sarà in grado di acquisire e contabilizzare direttamente i documenti emessi.

Lo Studio resta a disposizione per ogni ulteriore chiarimento ed invita i propri Clienti a comunicare al più presto a quale tipologia di servizio intendono aderire. In funzione della scelta operata, lo Studio proporrà la sottoscrizione di uno specifico accordo di servizio, anche per essere ufficialmente autorizzato ad accedere ai dati e ai documenti della propria Clientela presso il sistema di interscambio.